Bollinger

Bollinger Special Cuvée

Tipologia

Brut

Alcol %

12

Formato

0,75 ltr

Dosaggio

7/8 g/l

Temperatura di servizio

10°/12° C

Annata

SA

Località

Francia - Champagne

Vitigni

Pinot Nero (60%), Chardonnay (25%), Meunier (15%)

Distribution

€ 50.63

Scheda tecnica Bollinger Special Cuvée

La Special Cuvée è perfetta da condividere tra amici, per un momento semplice e significativo. È lo champagne che diamo alle persone che amiamo e che amano le cose belle. Per esaltarne lo stile, i profumi e gli aromi unici, la Special Cuvée va servita tra i 10 ei 12°C. Puoi gustare la Special Cuvée subito, oppure scegliere di invecchiarla nella tua cantina.

Colore

Colore dorato, caratteristico dei vitigni a bacca nera; bollicine molto fini. 

Abbinamenti

Qualsiasi pesce, specialmente sushi e sashimi. Frutti di mare: gamberi, gamberi, gamberi di fiume, astice alla griglia. Pollame e carni bianche. Parmigiano, buon prosciutto crudo.

Sapore

Una sottile combinazione di struttura, lunghezza e vivacità; bolle come velluto; pera, brioche e aromi speziati, note di noce fresca.

Profumo/Olfatto

Una bella complessità aromatica; frutta matura e aromi speziati; sentori di mele tostate, composta di mele e pesche. 

Cantina

Bollinger
Ad Ay, uno dei paesi storici del cuore della regione francese della Champagne, si trova la Maison Bollinger, fondata nel 1829 da Athanase Louis Emmanuel conte di Villermont, che scelse di unirsi in società con il tedesco Joseph Bollinger e con l’appassionato di vino Paul Ranaudin. Nel corso degli anni, dopo essere riuscito a imporre con successo le proprie bollicine soprattutto nel mercato inglese e in quello statunitense, fu proprio Joseph Bollinger a divenire l’uomo-simbolo della Maison. Oggi universalmente riconosciuta per la grande qualità dei suoi vini, la cantina, grazie alla posizione privilegiata dei vigneti di proprietà e grazie anche a una rigida etica produttiva, addirittura sancita da principi messi per iscritto, è affermata da anni a livello internazionale. Per fare un esempio delle ferree regole seguite dall’azienda, basterà dire che solamente il mosto proveniente dalla prima spremitura viene utilizzato per la produzione degli Champagne, mentre tutto quello ottenuto con la seconda pigiatura è venduto ad altre cantine. Attualmente, la maison può contare su un’estensione vitata che arriva a coprire oltre 160 ettari, la maggior parte dei quali si trovano suddivisi tra la montagna di Reims e il territorio di Ay. Classificati per oltre la metà come Grand Cru, e come Premier Cru per la restante parte, i vigneti sono allevati con meticolosa cura, per cui le piante crescono nel pieno rispetto di ambiente ed ecosistema. Oltre al pinot meunier e allo chardonnay, è soprattutto il pinot nero il vitigno attorno al quale ruotano gli assemblaggi della maison, che usando sapientemente le uve di questo vitigno, riesce a conferire ai suoi Champagne ricchezza, vinosità e rotondità. Dal Brut “Special Cuvée” all’Extra Brut “R.D.”, dal Rosé ai millesimati, nelle storiche cantine di affinamento, composte da chilometri di cunicoli, tutti gli Champagne etichettati Bollinger maturano dai tre agli otto anni, molto più di quanto richiesto dai disciplinari, garantendo il perfetto sviluppo degli aromi ed esprimendo sempre il massimo equilibrio possibile.