Argiolas

Argiolas Cardanera del Sulcis

Alcol %

13.5

Formato

0,75 ltr

Temperatura di servizio

14°/16°C

Annata

2019

Località

Italia - Sardegna

Vitigni

Carignano (100%)

Distribution

€ 12.91

Scheda tecnica Argiolas Cardanera del Sulcis

Cardanera nasce da vigneti allevati a spalliera sui terreni argillosi con importanti frazioni calcareo-sabbiose, non lontano dalle assolate coste del Sulcis. Si tratta di vigneti che beneficiano del tipico clima mediterraneo di questa parte di Sardegna con inverni miti ed estati calde ma ventilate, e precipitazioni limitate alle stagioni più fredde.

Colore

Rubino intenso e a tratti cupo, con riflessi lievemente violacei.

Abbinamenti

Un rosso bilanciato e duttile a tavola, a partire dagli antipasti per proseguire con i primi e i secondi della cucina di terra.

Sapore

Succoso e fragrante negli aromi, di buona freschezza e decisa sapidità, e dal tannino fine che persiste al palato senza stancare. L’equilibrio del vino è garantito dalla discreta dotazione alcolica e da una certa morbidezza: un sorso intenso e di buona persistenza e finezza conclude la beva.

Profumo/Olfatto

Al naso si dimostra intenso e di buona complessità, con sentori di fiori rossi freschi, di piccoli frutti neri freschi come la mora ed il ribes, sensazioni appena vinose e più nette di succo di melograno, con ricordi di pepe e note appena balsamiche.

Cantina

Argiolas
Quella degli Argiolas è una storia che è cominciata agli inizi del '900. Era esattamente il 1906, l’anno in cui a Serdiana, in provincia di Cagliari, è nato Antonio, il patriarca. Poco più di trent’anni più tardi, nel 1938 con precisione, in quella che da sempre è una terra di agricoltori, di oliveti e di vigne, lo stesso Antonio ha dato vita alla cantina Argiolas. Piantando filare dopo filare, unendo vigna a vigna, si è iniziato a produrre vino, cercando sempre la qualità con rigore e metodo. Poi sono arrivati i figli di Antonio, Franco e Giuseppe, che hanno ereditato dal padre la passione per le vigne e per il vino, e la hanno condivisa e trasmessa, a loro volta, prima alle mogli e quindi agli stessi loro figli. Oggi, nella cantina lavora attivamente già la terza generazione degli Argiolas, quella dei nipoti di Antonio. In fondo la ricetta è semplice: stagione dopo stagione, vendemmia dopo vendemmia, di generazione in generazione, la tradizione si tramanda e si rinnova, anno dopo anno. È in questo contesto che nasce una linea produttiva ampia e completa, capace come forse nessun’altra di valorizzare al meglio il territorio e le sue varietà più tipiche, in un connubio perfetto. Vini unici, che si caratterizzano per intensità, equilibrio ed eleganza. Attualmente, suddivisi in cinque distinte tenute, i vigneti che rispondono al nome di Argiolas raggiungono un’estensione totale che supera i 230 ettari. Nel rispetto di ambiente, ecosistema e territorio, trova spazio anche la ricerca e la sperimentazione, per piante di vite che, in alcuni casi, sono addirittura coltivate a piede franco. In cantina, grappoli eccelsi danno vita a quelli che prendono il nome di “Turriga”, “Korem”, “Is Solinas” e “Iselis”, poi ancora di “Costamolino”, “Perdera” e “Costera”, per citare solo alcune delle etichette Argiolas. Vini, quelli che escono dalla cantina di Serdiana, di estrema piacevolezza, qualitativamente superiori, nonché fortemente fedeli del terroir di appartenenza.