Sella & Mosca

Sella & Mosca Vermentino di Sardegna Ambat

Alcol %

13.5

Formato

0,75 ltr

Temperatura di servizio

8°/10° C

Annata

2018

Località

Italia - Sardegna

Vitigni

Vermentino (100%)

Distribution

€ 18.90

Scheda tecnica Sella & Mosca Vermentino di Sardegna Ambat

Ambat nasce ad Alghero su un terroir calcareo-argilloso che esalta le espressioni sapide e fruttate del vitigno a bacca bianca più rappresentativo della Sardegna, il vermentino. Le uve sono coltivate nelle vigne 28 e 30 delle Tenute Sella & Mosca, le più esposte ai quadranti di nord-ovest da dove le brezze o le più prepotenti folate di maestrale trasportano sull’uva la salsedine del vicino mare.

Colore

Si presenta all’occhio di un bel giallo paglierino.

Abbinamenti

Perfetto per accompagnare le portate della cucina di mare, è ottimo insieme con i filetti di sogliola saltati al burro e dragoncello.

Sapore

 Il palato è scorrevole e consistente nel contempo, attraversato da una decisa sapidità e di ottima lunghezza.

Profumo/Olfatto

L’olfatto è ricco e complesso, contraddistinto da note floreali e da rimandi alla frutta a polpa bianca, con sfumature di mandorla e di anice a completare il tutto. 

Cantina

Sella & Mosca
Realtà vitivinicola tra le più importanti di tutta la Sardegna, quella di Sella & Mosca è una cantina che può vantare un passato glorioso e un presente quanto mai dinamico, così proiettato alle sfide che il futuro sa offrire. È trascorso oltre un secolo da quando due piemontesi iniziarono a bonificare le terre sulle quali si estendono oggi gli oltre 540 ettari dei vigneti di proprietà dell’azienda: l’ingegnere Sella, nipote del famoso statista Quintino Sella, e l’avvocato Mosca, sono stati coloro che hanno dato il via all’impresa. Due avventurieri che con loro straordinaria opera misero le basi di quella che sarebbe diventata la più prestigiosa cantina della Sardegna, poco lontana da Alghero, in provincia di Sassari, nel nord-ovest dell’Isola. Non è un caso che chi oggi visita la tenuta sia in grado di rivivere quell’atmosfera pionieristica in un continuo caleidoscopio di profumi, odori e aromi. Sella & Mosca continua a essere una cantina quanto mai legata alle sue origini, per cui non c’è vino prodotto dall’azienda di Alghero che non sia capace di raccontare in modo didascalico quelle che sono le caratteristiche più profonde del suo territorio di origine: dai Cannonau ai Vermentino, fino ai Carignano e ai Torbato, antico bianco riproposto al mercato grazie a un lavoro di ricerca durato molti anni. Tutto parte dal lavoro tra i filari, dove anche quella che potrebbe risultare come la meno influente pratica agronomica, viene invece adottata allo scopo di mantenere un ambiente integro e ricco nella sua biodiversità e nel suo ecosistema. Contro i parassiti, viene condotta una lotta integrata, per cui si fa ricorso all’inerbimento spontaneo e ogni trattamento è mirato e specifico. La stessa filosofia la ritroviamo in cantina, dove le più moderne e avanzate tecnologie enologiche vengono impiegate nel massimo rispetto della materia prima, cercando sempre di valorizzare ed esaltare le caratteristiche intrinseche delle uve. Ecco allora il “Marchese di Villamarina”, il “Tanca Farrà”, “Terre Bianche Cuvée 161”, e poi ancora “Monteoro”, “Cala Reale” e “Torbato Brut”, senza tralasciare tutti gli altri: nomi che rimandano tutti alla cantina Sella & Mosca, parlando la lingua della massima eccellenza enologica che la Sardegna sia al momento in grado di offrire.