Tenuta Fertuna

Tenuta Fertuna Droppello

Alcol %

12

Formato

0,75 ltr

Temperatura di servizio

8°/10° C

Annata

2019

Località

Italia - Toscana

Vitigni

Sangiovese (vinificato in bianco) (100%)

Distribution

€ 9.78

Scheda tecnica Tenuta Fertuna Droppello

Il Droppello Toscana Bianco IGT della Tenuta Fertuna nasce nella Maremma Toscana da vitigni Sangiovese che, nonostante siano uve a bacca rossa, grazie ad un particolare tipo di vinificazione danno origine a questo vino bianco. Il territorio di riferimento è apprezzato fin dall'antichità per le sue produzioni e questa azienda opera dal 1997 nella coltivazione di viti, ulivi e cereali, unendo moderne tecnologie con metodi tradizionali di vendemmia e vinificazione.

Colore

Giallo paglierino con lievi riflessi rosei, ricordo della sua anima a bacca rossa.

Abbinamenti

Antipasti di pesce, crostacei e crudité di mare, primi piatti con sughi bianchi, carni bianche e verdure fresche in insalata. Particolarmente indicato per pasti leggeri ed informali fra amici.

Sapore

In bocca , fresco, secco, con un’evidente nota minerale. Retrogusto gentile con buona acidità.

Profumo/Olfatto

Floreale e delicato di sambuco, note lievi di salvia e di frutta bianca come pesca gialla e pera.

Cantina

Tenuta Fertuna
Siamo nel cuore della Maremma Toscana, tra le verdi colline e gli orizzonti che spaziano verso il mar Tirreno e il suo blu tanto affascinante. Qui sorge un anfiteatro fatto di vigneti, disegnati dalla mano dell’uomo con il massimo rispetto per l’ambiente e per la natura circostante. È questa Tenuta Fertuna, azienda agricola situata a Grilli, in provincia di Grosseto. L’azienda nasce nel 1997, e il nome rimanda alla fertilità di queste splendide terre e alla fortuna degli uomini che possono dedicarvisi con mano delicata e armoniosa, rispettando un paesaggio davvero splendido. Ci troviamo in un terreno ricco di galestro e di alberese, caratterizzato da un microclima mediterraneo con una forte influenza marina e una buona escursione termica fra il giorno e la notte. Tra i filari, oltre al mitico sangiovese, re incontrastato di tutta l’area, sono stati piantati diversi vitigni internazionali e altre varietà – come il vermentino – che ben si adattano alla conformazione della Maremma. La selezione manuale delle uve avviene due o più volte l’anno, così da assicurare la perfetta qualità del grappolo. La tenuta si estende oggi per ben 145 ettari, di cui cinquanta vengono destinati alla coltivazione della vite mentre 10 sono dedicati alla coltivazione degli ulivi, presenti nelle varietà autoctone Frantoio, Leccino e Moraiolo. In cantina, i moderni accessori sono uniti alla consueta semplicità costruttiva, combinati in un progetto ad alta sostenibilità ambientale. Diverse generazioni di vitivinicoltori e tante esperienze hanno dato origine al progetto della Tenuta Fertuna, che oggi produce sette etichette dove sono i rossi ad avere la prevalenza. Nella culla della civiltà etrusca, dove nulla è lasciato al caso e tutto è perfettamente armonizzato con la natura circostante, nascono vini come il “Droppello”, il “Lodai”, il “Pactio” e il mitico “Mesiio”, top di gamma che da sempre riscuote il plauso degli esperti e degli appassionati di rossi della Toscana.